Ricerca e dimostrazione pre normativa per società resilienti ai disastri

Una ragione per la difficile interazione tra i professionisti, e per i bassi livelli di interoperabilità delle apparecchiature e delle procedure attuate dai primi soccorritori, risiede nell'insufficiente armonizzazione e standardizzazione, che la ricerca e le dimostrazioni prenormative possono affrontare efficacemente.

Il mercato della sicurezza in Europa è un mercato istituzionale molto frammentato (a causa della mancanza di standardizzazione e certificazione armonizzata) e di una forte dimensione sociale (che colpisce direttamente in molti modi i cittadini). In questo contesto, il mandato M / 487 di stabilire standard di sicurezza coordinati dal Comitato europeo di normalizzazione ha chiaramente riconosciuto l'intero ambito della "gestione delle crisi e protezione civile" come una delle tre priorità per stabilire gli standard nel settore della sicurezza. Ha identificato la necessità di gestire le crisi e le attività di standardizzazione della protezione civile per facilitare la risposta, l'efficacia, l'efficienza e la cooperazione come priorità principali, in particolare per quanto riguarda le emergenze di rischio naturale.

Le proposte sono invitate ad affrontare le questioni relative alla pre-standardizzazione, in particolare:

Sottotema 1: [2018] Pre-standardizzazione per la sicurezza dell'approvvigionamento idrico
Da diversi anni le azioni di ricerca hanno portato allo sviluppo di tecnologie di rilevamento per analizzare l'acqua potabile. Sulla base dell'eredità delle azioni finanziate dal 7 ° PQ, dovrebbero essere progettate strategie più chiare per integrare le attuali tecnologie nella rete di sicurezza idrica esistente. Le strutture di collaudo dovrebbero interconnettere le reti di sensori legate alla sicurezza e alla sicurezza che vengono impiegate tra le reti di approvvigionamento idrico e di distribuzione. Il focus dell'azione dovrebbe essere sulle strutture di collaudo in rete sviluppate dai servizi idrici per dimostrare l'uso delle attuali tecnologie dei sensori allo scopo sia di sicurezza che di sicurezza dell'acqua, compresi i metodi per monitorare i bacini ei livelli del mare o del fiume per l'allarme tempestivo.

Sottotipo 2: [2019] Pre-standardizzazione nella gestione delle crisi.
Sottotitolo 3: [2020] Mezzi di addestramento, addestramento, manutenzione, mezzi di coordinamento centralizzati e telematici per il primo soccorso.

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell'UE di circa 6 milioni di euro consentirebbero di affrontare adeguatamente questa specifica sfida. Ciò nonostante, ciò non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedono altri importi.

Informazioni sul risultato della valutazione ( chiamata in una fase ): 
massimo 5 mesi dalla scadenza per la presentazione. 


Firma delle convenzioni di sovvenzione:
massimo 8 mesi dalla scadenza per la presentazione.


Commenti

Il canale web è realizzato da Patrizio Pinnaro' @2018.
Le informazioni pubblicate sono state acquisite sul portale web della Commissione Europea ed elaborate per agevolare la diffusione delle opportunità disponibili.