Piattaforma sociale sulla valutazione dell'impatto e della qualità degli interventi sul patrimonio culturale

Il modo in cui il patrimonio culturale viene preservato e valorizzato è un fattore importante che definisce l'identità dell'Europa e il suo posto nel mondo. I posti di lavoro sono creati dalla conservazione, gestione e promozione del patrimonio culturale e queste attività contribuiscono alla crescita sostenibile e alla coesione sociale.

Interventi di alta qualità nel patrimonio culturale e nei paesaggi culturali contribuiscono al benessere delle comunità locali e allo sviluppo di un turismo culturale sostenibile. D'altra parte, esempi di interventi di bassa qualità nell'ambiente storico e nei siti del patrimonio culturale danno adito a denunce da parte di esperti e cittadini. Interventi di bassa qualità possono persino danneggiare elementi storici insostituibili, il loro ambiente e il relativo patrimonio immateriale, le identità e le pratiche sociali. Casi in cui fondi UE (ad es fondi strutturali) sono utilizzati per interventi di bassa qualità che possono avere un impatto negativo sulla percezione dei cittadini delle azioni sostenute dall'UE.

La piattaforma dovrebbe riunire le comunità di ricerca, i professionisti del patrimonio, gli attori pubblici e privati ​​e i responsabili politici a livello locale, regionale, nazionale e internazionale interessati alla valutazione dell'impatto e alla qualità degli interventi in ambienti storici e siti del patrimonio culturale in Europa. Patrimonio tangibile e intangibile, paesaggi culturali e paesaggi marini, conservazione della memoria del patrimonio, identità culturali di gruppi, comunità e minoranze, legislazione, linee guida e codici di etica e governance dovrebbero essere considerati.

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell'UE di 1,5 milioni di euro consentirebbero di affrontare adeguatamente questa specifica sfida. Ciò nonostante, ciò non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedono altri importi.

Informazioni sul risultato della valutazione ( chiamata in una fase ): 
massimo 5 mesi dalla scadenza per la presentazione.

Firma delle convenzioni di sovvenzione:
massimo 8 mesi dalla scadenza per la presentazione.


Commenti

Il canale web è realizzato da Patrizio Pinnaro' @2018.
Le informazioni pubblicate sono state acquisite sul portale web della Commissione Europea ed elaborate per agevolare la diffusione delle opportunità disponibili.