Infrastrutture di trasporto per monitorare il rumore e le emissioni

Il rumore e le emissioni dei trasporti incidono seriamente sugli ecosistemi sanitari e ambientali delle persone che richiedono l'attuazione di misure di mitigazione per ottenere una maggiore riduzione di tutti i modi di trasporto.

Il veloce sviluppo di tecnologie che facilitano la connettività di sensori innovativi, sia a bordo che a lato dell'infrastruttura, potrebbe consentire il monitoraggio e il controllo in tempo reale del rumore e delle emissioni del trasporto.

Le attuali applicazioni di diversi sistemi mobili e metodologie di misurazione rendono piuttosto difficile il confronto dei dati. Lo sviluppo di metodologie di misurazione armonizzate aumenterà l'affidabilità dei dati raccolti e la credibilità delle conseguenti procedure di sensibilizzazione / mitigazione.

L'integrazione nell'infrastruttura dei materiali assorbenti e l'utilizzo di soluzioni a emissioni negative possono anche contribuire alla riduzione degli effetti negativi delle emissioni e del rumore.

Le reti stradali e ferroviarie sono affrontate principalmente, ma la ricerca non dovrebbe escludere soluzioni per ridurre il fastidio derivante anche dal trasporto aereo e idrico.

I potenziali effetti negativi dei sensori fissi sulla salute umana dovrebbero essere attentamente considerati ed evitati.

La Commissione ritiene che le proposte che richiedono un contributo dell'UE tra 4 e 7 milioni di euro consentirebbero di affrontare adeguatamente questa specifica sfida. Ciò nonostante, ciò non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedono altri importi.

Informazioni sull'esito della valutazione ( due fasi di chiamata): 
Per la fase 1: massimo 3 mesi dal termine ultimo per la presentazione. 
Per la fase 2: massimo 5 mesi dalla scadenza per la presentazione. 

Firma delle convenzioni di sovvenzione:
massimo 8 mesi dalla scadenza per la presentazione.

Commenti

Il canale web è realizzato da Patrizio Pinnaro' @2018.
Le informazioni pubblicate sono state acquisite sul portale web della Commissione Europea ed elaborate per agevolare la diffusione delle opportunità disponibili.