Facilitazione del cluster per nuove catene di valore industriale

Sviluppare nuove catene del valore industriali intersettoriali in tutta l'UE, sfruttando il potenziale di innovazione delle PMI. L'UE deve sostenere lo sviluppo delle industrie emergenti, che forniranno la crescita e l'occupazione del futuro.
La reindustrializzazione della base industriale dell'UE deve concentrarsi sullo sviluppo di beni e servizi competitivi a lungo termine a livello internazionale che richiedono la combinazione di diverse competenze e soluzioni innovative.

Lo sviluppo di nuove catene del valore industriale richiede la collaborazione e l'integrazione di diversi attori dell'innovazione, comprese le grandi imprese e in particolare le PMI, in diversi settori verso l'attuazione di una visione comune.

Le PMI hanno bisogno di aiuto per generare, assorbire e capitalizzare meglio tutte le forme di conoscenza, creatività, artigianato e innovazione - anche per l'applicazione di tecnologie esistenti o emergenti, produzione avanzata, TIC, soluzioni ecoinnovative e efficienti in termini di risorse, nuovi affari modelli, innovazione di servizio e design. Il potenziale dei cluster - che rappresentano ecosistemi favorevoli per l'innovazione e l'imprenditorialità - deve essere sfruttato meglio a tale riguardo.

È promossa la collaborazione transfrontaliera e intersettoriale, l'innovazione e l'imprenditorialità tra diverse regioni e catene del valore. Il coordinamento e l'agevolazione sono guidati da organizzazioni di cluster e altre organizzazioni intermediarie, seguendo un approccio sistemico che combina diverse risorse, strumenti e strumenti. Gli attori dell'innovazione, in particolare le PMI con competenze che si rafforzano reciprocamente, devono essere sostenuti in vista della creazione di nuove catene del valore industriale che promuovano lo sviluppo delle industrie emergenti in Europa.

A tal fine, le proposte definiscono una visione strategica per la creazione di nuove catene del valore industriale negli Stati membri dell'UE e nei paesi associati. Essi si concentrano specificamente sull'integrazione e sul sostegno di gruppi di PMI in collaborazione con altri attori dell'innovazione nell'affrontare problemi e sfide specifici. Le organizzazioni di cluster o altri intermediari PMI devono essere invitate a creare attività di collaborazione e di networking per le PMI e creare uno "spazio aperto" favorevole per la fertilizzazione intersettoriale e l'innovazione della catena del valore. Ogni proposta dovrebbe dimostrare la capacità di:
  • convalidare idee per progetti di innovazione strutturati guidati da PMI di diversi settori e paesi in collaborazione con altri attori dell'innovazione e facilitare il coordinamento verso nuove catene di valore industriali attraverso questo spazio di collaborazione.
  • sostenere le attività di innovazione e / o canalizzare un mix di diverse misure mirate di sostegno imprenditoriale e di innovazione (come tutoraggio, coaching, voucher di assistenza tecnica, ecc.) direttamente agli attori dell'innovazione dei progetti di innovazione convalidati per supportare ulteriormente il loro sviluppo, integrazione e dimostrazione su larga scala in modo strategico. Almeno il 75% del bilancio totale proposto è stanziato per sostenere direttamente l'innovazione nelle PMI, in modo che le PMI beneficino o partecipando al consorzio o ricevendo un sostegno finanziario e / o di altro tipo come una terza parte (impresa) in linea con le condizioni di cui all'allegato generale K del programma di lavoro.

Informazioni di base e orientamenti sull'approccio sistemico e l'attenzione strategica da prevedere sono fornite ai candidati al Portale dei cluster dell'UE [1] e alla nota di fondo [2] che fanno parte di questo invito. Saranno ricercate sinergie con altre misure che sostengono progetti di dimostrazione su vasta scala, in particolare nell'ambito dei fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE) e COSME. Ciò include le piattaforme tematiche di specializzazione intelligente [3] - in particolare quella sulla modernizzazione industriale, i partenariati strategici europei dei cluster, la piattaforma europea di collaborazione per i cluster e l'Osservatorio europeo per i cluster e le trasformazioni industriali nonché le partnership nell'ambito dell'azione pilota per le partnership interregionali innovative progetti[4] . Queste sinergie saranno attivamente incoraggiate nella costruzione del partenariato dei progetti dei richiedenti e nell'attuazione dei progetti, in particolare attraverso gli intermediari delle PMI impegnati. Il termine "su larga scala" non si riferisce necessariamente all'ammontare del sostegno finanziario fornito per un particolare progetto, ma alla portata del lancio di un processo graduale di sperimentazione e attuazione con un supporto di accompagnamento che raggiunga gruppi di PMI che si rafforzano reciprocamente. Questo approccio mira a "dimostrare su larga scala" il potenziale impatto di soluzioni innovative a sfide specifiche, piuttosto che sostenere progetti isolati o PMI.

Per la prima fase della procedura di presentazione, i candidati devono fornire una nota concettuale (di massimo 10 pagine), che dovrebbe includere una chiara descrizione delle idee e degli obiettivi per un'azione innovativa verso lo sviluppo di nuove catene di valore industriali, nonché un spiegazione delle principali attività, modalità di attuazione (incluso il sostegno finanziario a terzi, se del caso, e come conseguire l'obiettivo di destinare almeno il 75% del bilancio totale proposto per sostenere direttamente l'innovazione nelle PMI) e risultati previsti previsti (per favore fare riferimento alle condizioni di concessione per questo argomento).

La nota informativa dovrebbe descrivere ulteriormente come l'approccio sistemico proposto e l'orientamento strategico promettano un impatto significativo sulla crescita economica e sul lavoro; dimostra una dimensione europea e un valore aggiunto; e ha il potenziale per agire da catalizzatore contribuendo e / o facendo leva su altre attività sostenute, ad esempio, nell'ambito dei fondi strutturali e di investimento europei, ad esempio nel contesto di strategie di specializzazione intelligente.

Viene inoltre fornita una stima dei costi totali dell'azione proposta e del contributo da richiedere alla Commissione. Solo le proposte che superano la soglia di valutazione per la prima fase saranno invitate a una seconda fase di presentazione per una proposta completa con una descrizione dettagliata del bilancio e delle attività programmate da intraprendere.

Scadenza Call: 12 aprile 2018

Commenti

Il canale web è realizzato da Patrizio Pinnaro' @2018.
Le informazioni pubblicate sono state acquisite sul portale web della Commissione Europea ed elaborate per agevolare la diffusione delle opportunità disponibili.